Lievito madre: ecco la ricetta per farlo a casa se sparisce dagli scaffali!


Il lievito madre è una miscela di farina e acqua in cui batteri e lieviti vivono in perfetta armonia, con la quale puoi preparare il tuo pane fatto in casa naturalmente e con ingredienti sani. Questo è un vantaggio rispetto al pane industriale. La pasta madre viene utilizzata fondamentalmente per produrre prodotti da forno, che forniscono una qualità, in termini di aroma e conservazione, che difficilmente può essere abbinata al lievito del panettiere che di solito troviamo negli stabilimenti.

La ricetta del lievito madre fatto in casa

Esistono molti modi per preparare la pasta madre. I due ingredienti principali che vengono sempre utilizzati però sono la farina e acqua. Il processo di produzione della pasta madre richiede cinque giorni. Ma non aver paura, perché il tempo quotidiano che dobbiamo dedicare ad esso è di pochi minuti.

Ingredienti

  • 50 gr di farina 00
  • 50 gr di acqua

Preparazione

Giorno 1

In un barattolo di vetro, versare 50 grammi di acqua e 50 grammi di farina. Mescola bene fino ad ottenere una pasta. Poniamo l’impasto in un barattolo e con un pennarello indelebile tracciamo una linea, in modo da poter vedere se il livello è aumentato il giorno dopo. L’aumento della pasta indica che la fermentazione è iniziata. Coprire con un panno in modo che la miscela sia aerata e lasciarla riposare in un luogo caldo.

Giorno 2

Scopriamo il barattolo e osserviamo la pasta. È possibile che siano apparse piccole bolle sia sulla superficie che sulle pareti del vaso e che la massa sia cresciuta di volume, superando la linea contrassegnata da un pennarello. A volte, dopo le prime 24 ore, l’attività dei microrganismi presenti nella miscela è molto elevata. Altre volte, potremmo a malapena notare eventuali cambiamenti. Nei mesi più caldi la pasta madre crescerà più velocemente.

Giorno 3

Dopo 48 ore dall’inizio della fermentazione, l’attività è di solito abbastanza visibile. Il livello che avevamo etichettato il primo giorno è già stato notevolmente superato. La popolazione di lieviti è ancora bassa e la fermentazione è ancora abbastanza lenta da produrre pane. Ormai dovremmo notare un odore agrodolce. Rimuoviamo metà della pasta e aggiungiamo 25 grammi di acqua e 25 grammi di farina integrale (questo serve a nutrire la nostra pasta madre con farina e acqua e si chiama “rinfresco”). Mescoliamo bene e se il livello della pasta non corrisponde al segno che avevamo fatto con il pennarello sul recipiente, cancelliamo il segno e lo facciamo di nuovo. Copriamo con un panno e mettiamo di nuovo in un luogo caldo.

Giorno 4

Dopo 4 giorni l’impasto potrebbe essere raddoppiato di volume. Indipendentemente dal fatto che il nostro impasto sia raddoppiato o meno in volume, buttiamo via metà del contenuto dal barattolo e facciamo un altro rinfresco della pasta con 25 grammi di acqua, 15 grammi di farina integrale e 10 grammi di farina bianca. Impasta il composto e se la tua pasta madre non raddoppia in 6-8 ore, lasciala fino al giorno successivo, a quel punto effettuerai un nuovo rinfresco.

L’odore della pasta madre a questo punto del processo è notevolmente diverso dall’odore che aveva all’inizio, ora le sfumature lattiche sono generalmente predominanti. Quando la pasta madre raddoppierà il suo volume, eseguiremo altri due rinfreschi, ma questa volta solo con farina bianca.

Dopodiché il lievito madre sarà pronto! A questo punto, va messo in frigorifero in un contenitore chiuso e tenuto in vita con i rinfreschi ogni 6-7 giorni se non viene consumato subito. Questo servirà per nutrire e tenere in vita i microorganismi con gli zuccheri attraverso la farina.

Leggi anche: Pane fatto in casa: la ricetta per farlo bene e croccante!

Note e consigli

Se il lievito madre non viene consumato subito, ogni settimana andrà fatto il “rinfresco”. Dovrete aggiungere una quantità di farina pari al peso dell’impasto e acqua quanto basta per ottenere un impasto morbido. Mescolate bene e conservate in frigo.

Vota questo articolo!

[Totali: 1 Media: 5]

Tags: , , ,